L´inquinamento da trasporti in Europa nel 2012 - SECONDA PARTE

Proponiamo l´immagine che negli ultimi anni ha fatto il giro dei social network ed é sempre piú usata per mostrare il divario netto tra lo spazio usato per 60 persone viaggiando in pulman o bici contro quello utilizzato viaggiando in auto. Tratta da una pubblicazione della città di Muenster (Germania) che risale a oltre 20 anni fa.
Ecco quello che emerge dall´analisi condotta dall´Agenzia Europea per l´Ambiente (AEA) nel 2012 con l´obiettivo di scattare una fotografia delle abitudini di trasporto su auto in Europa:

Uso dell´automobile privata: è rimasto più o meno stabile, dice il rapporto, nonostante la recessione economica e ampie fluttuazioni dei prezzi del carburante negli ultimi dieci anni.

• I prezzi influenzano le scelte a scapito dell´ambiente: in alcuni casi, i prezzi possono influenzare le persone a fare scelte che sono dannose per l'ambiente. L'acquisto di un´auto è diventato sempre più conveniente in termini reali a partire dalla metà degli anni 1990, segnala il rapporto, mentre i viaggi in treno e di passeggeri via acqua è diventato più costoso. Tuttavia, nuove auto stanno diventando sempre più efficienti. La vettura media venduta nel 2011 è stata del 3,3% più efficiente rispetto alla media venduta l'anno prima.

Alcuni elementi indicano un cambiamento della domanda:
Immatricolazioni veicoli a benzina: è sceso del 76% tra il 2010 e il 2011. Questo è stato in gran parte a causa di un forte calo nella diffusione in Francia e Italia, paesi in cui questo carburante è più comunemente utilizzato.

• Immatricolazione auto elettriche: Ci sono state 8700 auto elettriche registrate nel 2011. Questo numero è solo lo 0,07% delle auto nuove immatricolate, quindi non ha influenzato significativamente la media delle emissioni dell'UE, si tratta di un aumento di 10 volte rispetto al 2010.

• Emissioni di CO2: Portogallo, Malta e Danimarca hanno registrato le auto in media piú efficienti in termini di emissioni di CO2, con emissioni di 125 g di CO2/km o meno. Meno efficienti le auto immatricolate in Estonia, Lettonia e Bulgaria che hanno emissioni superiori ai 150 g CO2/km in media.

• Emissioni di gas serra: per raggiungere l'obiettivo dell’UE, il settore dei trasporti deve ridurre le emissioni di biossido di carbonio del 68 % tra il 2010 e la metà del secolo. Le emissioni di gas serra dovute ai trasporti sono diminuite dello 0,4 % tra il 2009 e il 2010, e le prime stime mostrano una diminuzione simile tra il 2010 e il 2011.

• Inquinamento sonoro: È inoltre stato sottolineato che il rumore rappresenta un'altra forma di inquinamento che può causare gravi problemi di salute. Il rapporto rileva che in Europa nelle città più grandi, tre su cinque residenti sono esposti a livelli nocivi di inquinamento acustico. Anche in campagna 24 milioni di europei sono esposti all’inquinamento acustico durante la notte. Questo può causare problemi sia fisici che psicologici.

Il Commissario per l'ambiente, Janez Potočnik, ha dichiarato: "Questa relazione è un monito di quanto sia importante la qualità dell'aria per la salute dei nostri cittadini. E’ per questo che voglio che il 2013 sia “l'anno dell’aria”, incentrato sul rafforzamento delle nostre leggi sulla qualità dell'aria per affrontare i problemi individuati oggi ".

Nessun commento:

Posta un commento