Qualitá dell´aria in Europa 2012

Il 24 Settembre 2012 é stata pubblicata dall´agenzia europea sull´ambiente la relazione denominata “La qualità dell'aria in Europa 2012” . La finalitá della ricerca é prendere in esame l'esposizione dei cittadini agli inquinanti atmosferici e fornisce una panoramica della qualità dell'aria in Europa dal 2001 al 2010. Obiettivo della relazione é quello di offrire numeri e spunti per lo sviluppo di politiche più efficaci per rendere l’aria pulita.

Pessima situazione per l´Italia che si distingue per concentrazioni fuori la soglia limite di particolato (PM10 e PM2.5), ozono e monossido di carbonio, ma anche nickel e benzene. Con noi anche i paesi dell´Est Europa registrano valori oltre la soglia per la maggior parte delle fonti di inquinamento.

In aggiunta, dalle analisi emerge che in Italia si registrano i valori europei piú alti di particolato nelle zone rurali, insieme a Ungheria e Olanda (come mostrato dal colore viola e rosso nell´immagine qui sopra).

Sebbene in Italia respiriamo piú inquinanti rispetto agli abitanti degli altri paesi la pagella media Europea non é affatto buona e mostra ampi spazi di miglioramento.


Principali risultati a livello Europeo


Polveri sottili: le polveri sottili sono il più grave inquinamento dell'aria a rischio salute nell'Unione europea, con conseguente mortalità prematura. Secondo il rapporto nel 2010, il 21% della popolazione urbana è stata esposta tutti i giorni a livelli di PM10 superiori al valore limite individuato dall’EU per salvaguardare la salute. Fino al 30% della popolazione urbana è stata esposta a più livelli di concentrazione di PM 2.5 sopra i limiti annuali imposti dall’UE (meno rigorosi). Secondo l'OMS i livelli di riferimento, che sono ancora più rigorosi di quelli previsti dalla normativa comunitaria, sono rispettivamente l’81% e il 95% degli abitanti delle città esposti a concentrazioni di PM che superano i valori di riferimento fissati per la protezione della salute umana - sottolineando l'urgenza della prossima revisione della legislazione sull’aria.

Ozono (O3): può causare problemi di salute delle vie respiratorie e provocare mortalità prematura. L'esposizione in città è molto alta, il 97% degli abitanti delle città europee sono stati esposti a concentrazioni di ozono al di sopra del livello di riferimento OMS nel 2010. Il 17% sono stati esposti a concentrazioni superiori al valore di riferimento dell'UE per l’ozono. Nel 2009, il 22% delle terre coltivabili in Europa sono state esposte a concentrazioni di O3 dannose, causando perdite agricole.

Biossido di azoto (NO2): è una delle principali cause di eutrofizzazione (eccessiva crescita di piante e alghe in acqua) e di acidificazione. L’NO2 contribuisce anche alla formazione di Particolato e Ozono. Nel 2010, il 7% degli europei che vivevano in città sono stati esposti a livelli di NO2 superiori ai valori limite UE. Le emissioni nazionali di biossido di azoto in molti paesi europei devono ancora superare i massimali di emissione fissati dalla legislazione comunitaria e dalle convenzioni delle Nazioni Unite.

Benzopirene (BaP): è un agente cancerogeno. Una parte considerevole della popolazione urbana in Europa (20-29% tra il 2008 e il 2010) è stata esposta a concentrazioni superiori ai valori prefissati dall'UE, che devono essere raggiunti entro il 2013. L'aumento delle emissioni di BaP in Europa negli ultimi anni è quindi una questione di interesse.

Biossido di zolfo (SO2): le emissioni sono state ridotte in modo significativo negli ultimi anni grazie alla legislazione dell’UE che richiede l'uso di emissioni scrubbing tecnologiche e minore tenore di zolfo nei combustibili. Il 2010 è stato il primo anno in cui la popolazione urbana europea non è stata esposta a concentrazioni di SO2 sopra il valore limite dell’UE.

concentrazioni di monossido di carbonio, benzene e metalli pesanti (arsenico, cadmio, nichel, piombo) nell’ aria esterna sono generalmente bassi, localizzati e sporadici nella UE, con superamenti di alcuni dei valori limite e obiettivi fissati dalla normativa comunitaria.

I numeri di questa relazione fanno comprendere quanto sia necessario un impegno deciso da parte di tutte le nazioni dell´Unione Europea.

Nessun commento:

Posta un commento