Un sensore per smartphone e un'app al servizio della salute



Si chiama Exposomics ed è un progetto finanziato dall'Unione Europea che combinerà le indagini effettuate per mezzo di smartphone dotati di sensori ambientali con analisi mediche dei possessori di cellulari al fine di scoprire l'intera gamma di inquinanti ambientali a cui siamo esposti nel corso della nostra vita e studiare i rischi potenziali di esposizione chimica del corpo umano.


Il progetto è condotto dal Imperial College di Londra e sono coinvolte altre 11 università e istituti di ricerca di tutta Europa, l'università della California e Berkeley negli Stati Uniti.

La metodologia adottata è quella di sviluppare un kit di monitoraggio dell'esposizione umana, con una app che installata nello smartphone che registra l'attività fisica dell'utente, la sua posizione GPS, e l'esposizione agli agenti inquinanti tramite un sensore di inquinamento atmosferico che si collega al telefono. Le informazioni relative all'esposizione saranno periodicamente combinate con l'analisi del sangue e delle urine per determinare il destino di questi inquinanti una volta entrati nel corpo e il loro effetto su biomolecole come DNA, RNA, proteine ​​e metaboliti e livelli alterati di sostanze chimiche nel sangue e nelle urine. 

In futuro il kit di misurazione sarà disponibile anche in commercio.

"E 'ormai chiaro che le malattie con peso maggiore, come il cancro, il diabete, le malattie cardiache, neurodegenerative e malattie come il morbo di Alzheimer, sono principalmente causate da fattori diversi dalla genetica. Questi possono includere aspetti dello stile di vita e dell'ambiente, ma i ruoli precisi di questi diversi fattori che causano le malattie non sono ancora ben compresi ", ha detto il professor Paolo Vineis della School of Public Health, Imperial College di Londra, uno dei principali ideatori del progetto.

Il termine “Exposome” si riferisce alle componenti ambientali che incidono sulla salute di una persona nel corso della sua vita, tra cui lo stile di vita e l'esposizione chimica.

"Ogni giorno siamo tutti esposti a bassi livelli di inquinamento ambientale, come ad esempio lo scarico di motori diesel, fumo di tabacco, e pesticidi. È molto difficile stimare gli effetti sulla salute di tali esposizioni perché non ci sono persone non esposte all’inquinamento con cui fare un confronto " ha aggiunto il professor Vineis.

Al fine di misurare le esposizioni sono stati sviluppati degli strumenti altamente tecnologici, in particolare quelli concentrati sull’inquinamento dell'aria e dell'acqua durante periodi critici della vita.

"Questo progetto si avvarrà delle nuove tecnologie che ci permetteranno di misurare l'esposizione personale di sostanze inquinanti con sensibilità molto maggiore e studiare i loro effetti nel corpo. I risultati ci aiuteranno a sviluppare una migliore comprensione di come l'esposizione a diversi fattori inquinanti si combinano per influenzare il nostro rischio di malattie ", ha detto il Professor Vineis.

I primi risultati sono attesi entro i prossimi due anni.

"Si tratta di un importante passo avanti per ricevere i fondi europei diretti a questo settore di ricerca, che è fondamentale per la prevenzione efficace di un numero di malattie non trasmissibili ", ha concluso il Dottor Christopher Wild, direttore dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, partner del progetto e responsabile del primo sviluppo del concetto di “exposome”.


Nessun commento:

Posta un commento