Sindaci europei uniti per la riduzione della CO2

Il 4 maggio 2010 presso il parlamento europeo è stato firmato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) alla presenza di Barroso, Presidente della commissione europea, e Zapatero, primo ministro spagnolo. L’accordo è stato sottoscritto da 500 sindaci europei che si impegnano a promuovere le energie rinnovabili, il risparmio energetico e l’informazione dei cittadini su questi temi. Gli obiettivi di ogni comune saranno l’analisi e misurazione delle emissioni di CO2 emesse attualmente, definizione linee strategiche per la riduzione e applicazione delle stesse con particolare attenzione alla comunicazione e informazione al fine di trasmettere buoni esempi replicabili ovunque.
L’iniziativa è promossa dalla Comunità Europea al fine di trasmettere l’importanza di un ruolo attivo per la lotta ai cambiamenti climatici e alla diffusione di nuove tecnologie che inevitabilmente creeranno nuovi posti di lavoro, sostenendo quindi l’economia locale.
Questo progetto si basa sulla consapevolezza che oltre l’80% di emissioni di gas serra avviene nelle citta, dove le autorità locali hanno un ruolo determinante.
Il patto dei sindaci è una conferenza annuale che raduna sindaci da tutta Europa. Con i 500 di quest’anno si raggiunge infatti quota 1.600 rappresentanti 120 milioni di cittadini.
Il ruolo della comunità europea in questo progetto è triplice:
- organizzazione conferenza
- incoraggiamento scambio buone pratiche, principalmente tramite il sito web (molti link sono ancora solo in inglese)
- agevolare e concedere finanziamenti, nel 2010 infatti tramite il progetto ELENA, European Local ENergy Assistance, verranno concessi 15 milioni di finanziamenti agli enti locali per progetti sostenibili e di sviluppo delle energie  rinnovabili

Ora la palla è ai comuni italiani dato che durante l'ultimo incontro del 2010 il 50% dei sindaci partecipanti era italiano. Sarete aggiornati su questo punto o magari speriamo di vederne prima ancora gli effetti camminando per strada in questi comuni.

Nessun commento:

Posta un commento